Servizio Civile Universale (SCU)

Nato nel 1972 come diritto all’esercizio dell’obiezione di coscienza al servizio militare, il Servizio Civile, in quanto alternativo alla leva, era inizialmente obbligatorio.
Quasi trent’anni dopo, con la legge n. 64/2001, viene istituito il Servizio Civile Nazionale su base volontaria, aperto anche alle donne.
Nel 2005, sospeso il servizio di leva obbligatorio, prosegue il percorso di crescita del Servizio Civile Nazionale su base volontaria.
Nel 2017, con il d.lgs. n.40, il Servizio Civile da Nazionale diventa Universale, con l’obiettivo di diventare un’esperienza aperta a tutti i giovani che lo desiderino, anche a giovani stranieri residenti in Italia.
Il Servizio Civile Universale nasce per diffondere fra i giovani i valori fondanti della nostra Costituzione: solidarietà, partecipazione, tutela del bene comune, difesa dei più fragili, difesa - non armata e nonviolenta - della Patria, educazione alla pace tra i popoli e promozione dei valori fondativi della Repubblica italiana, attraverso azioni per le comunità e per il territorio.

La ASL Roma 1 nel 2020 ha ottenuto l’accreditamento all'Albo di Servizio Civile Universale - sezione RPA Lazio - Codice SU 00193.

I progetti che la ASL Roma 1 predispone per l'inserimento dei volontari, sono orientati principalmente alle fasce più vulnerabili e svantaggiate della popolazione e/o di chi vive, nel proprio percorso di vita, condizioni di bisogno.
Tali progetti rappresentano per i giovani un'opportunità per confrontarsi con le necessità degli altri e, contemporaneamente, acquisire, attraverso percorsi formativi, competenze pratiche, conoscitive, spendibili nel mondo del lavoro.

La ASL Roma 1 è abilitata a presentare progetti nei seguenti ambiti:

  • Assistenza
  • Patrimonio artistico e culturale
Le opportunità del Servizio Civile Universale chiudi dettagli apri dettagli

Il Servizio Civile Universale è un'opportunità che consente molteplici esperienze

  • azioni di cittadinanza attiva;
  • occasioni per crescere confrontandosi;
  • conoscenza di diverse realtà, da comprendere e condividere;
  • costruzione di strumenti di pace e di integrazione;
  • possibilità di crescita professionale;
  • impegno solidale per gli altri;
  • aiuto per chi vive situazioni di disagio o di minori opportunità;
  • occasioni di confronto con altre culture;
  • un primo piccolo passo per acquisire una propria autonomia economica e avvicinarsi al mondo del lavoro.

Per i giovani volontari è previsto il riconoscimento e la valorizzazione delle competenze acquisite, tramite un percorso definito e un attestato finale da utilizzare in ambito lavorativo e nei percorsi di istruzione.

Tempi e modalità del Servizio Civile chiudi dettagli apri dettagli

Il Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Universale della Presidenza del Consiglio dei Ministri pubblica, ogni anno, uno o più bandi: vengono messi a concorso i posti individuati nei progetti di SCU, precedentemente proposti dagli Enti, approvati da apposita commissione e finanziati.
I progetti di Servizio Civile Universale possono avere una durata variabile, ma non superiore all’anno.

I bandi contengono le procedure per la presentazione e selezione delle domande e l'elenco dei progetti di Servizio Civile Universale approvati ai quali è possibile partecipare.

Per i volontari è prevista un’attività settimanale massima di 25 ore o, in alternativa, di 1145 ore annue, da distribuire settimanalmente; sono previsti giorni di malattia e giorni di permesso retribuiti in numero che varia in funzione della durata dei progetti e un compenso economico di 439,50 euro mensili.

Possono presentare domanda chiudi dettagli apri dettagli

Il Servizio Civile Universale è aperto a ragazze e ragazzi che hanno compiuto il diciottesimo e non superato il ventottesimo anno di età e che dichiarano di:

  1. essere cittadini italiani oppure

    - essere cittadini degli altri paesi della UE
    - essere cittadini non comunitari regolarmente soggiornanti in Italia;

  2. non aver riportato condanne penali in Italia o all'estero

  3. non appartenere ai corpi militari e alle forze di Polizia

  4. non essere stati condannati con sentenza di primo grado per delitti non colposi commessi mediante violenza contro persone o per delitti riguardanti l'appartenenza a gruppi eversivi o di criminalità organizzata;
  5. non avere in corso con l'Ente che realizza il progetto rapporti di lavoro o di collaborazione retribuita a qualunque titolo, ovvero che abbiano avuto tali rapporti, nell'anno precedente, di durata superiore a 3 mesi;
  6. di aver interrotto precedentemente il Servizio Civile Nazionale o Universale a causa del superamento dei giorni di malattia previsti (a condizione che il periodo del servizio prestato non sia stato superiore a sei mesi).

Si può partecipare al Servizio Civile Universale una sola volta.

Non costituiscono cause ostative alla presentazione della domanda di Servizio Civile Universale:

  • aver interrotto il Servizio Civile Nazionale o Universale a conclusione di un procedimento sanzionatorio a carico dell’ente;
  • aver già svolto il Servizio Civile nell’ambito del programma europeo “Garanzia Giovani”, nell’ambito del progetto sperimentale europeo International Volunteering Opportunities for All e nell’ambito dei progetti per i Corpi civili di pace.
I progetti 2020 chiudi dettagli apri dettagli

PRESENTATI I PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE UNIVERSALE 2020

La ASL ROMA 1 ha presentato formalmente nel mese di maggio scorso i programmi e progetti di Servizio Civile Universale – annualità 2020.
Sono stati presentati 3 programmi e 12 progetti per un totale di 84 volontari.
Uno dei 3 programmi è in coprogrammazione con il Comune di Roma

Se approvati e finanziati dal Dipartimento Giovani e Servizio Civile Universale della Presidenza del Consiglio dei Ministri, i progetti elaborati dalla ASL ROMA 1 permetteranno, presumibilmente a fine 2020 inizio 2021, di selezionare i giovani che effettueranno il loro anno di Servizio Civile Universale.

Contatti chiudi dettagli apri dettagli

Servizio Civile Universale ASL ROMA 1
email: serviziocivile@aslroma1.it
cell. 366 8124002
tel 06 7730.7311

Responsabile: Antonella Valentini
Responsabile della Formazione e valorizzazione delle competenze: Daniela Santella
Responsabile della gestione degli operatori volontari: Carla Porziani
Responsabile dell’informatica: Pio Pucci
Responsabile della sicurezza: Maddalena Quintili
Responsabile delle attività di controllo, verifica e valutazione del SCU: Silvia Morelli

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.