Partecipa con la tua opinione ×
pubblicata il 11 Maggio 2022

Peste suina: misure di contrasto e comportamenti da seguire

 

Nel territorio Nord-Ovest di Roma, su un cinghiale è stato riscontrato un caso di Peste suina africana (PSA), una malattia virale non trasmissibile agli esseri umani.

Per contrastare la diffusione della malattia tra maiali e cinghiali, la Regione Lazio ha emanato un'Ordinanza in coerenza con quanto stabilito dal Commissario straordinario nazionale alla Peste Suina Africana.

In base alle disposizioni è stata individuata una zona rossa e una zona di attenzione. È vietato foraggiare maiali e cinghiali ed è vietata l’attività venatorie all’interno del GRA.

La “zona rossa” è così delimitata:

  • Nord-Nord Ovest: A90 Grande Raccordo Anulare;
  • Est-Sud Est: Fiume Tevere;
  • Sud: Circonvallazione Clodia, via Cipro, via di San Tommaso D’Acquino, via Arturo Labriola, via Simone Simoni, via Pietro De Cristofaro, via Baldo Degli Ubaldi;
  • Sud-Ovest: via di Boccea.
  • Alcune porzioni del Parco dell’Insugherata, del Parco di Veio, del Parco del Pineto e della Riserva di Monte Mario.

Nella zona rossa sono state attuate le seguenti misure:

  • sorveglianza passiva rafforzata da parte degli Enti di gestione dei Parchi e dei Servizi veterinari;
  • campionamento carcasse e cinghiali moribondi a cura dei Servizi veterinari;
  • smaltimento delle carcasse secondo procedure di massima biosicurezza da parte di ASL e Istituto Zooprofilattico Sperimentale;
  • controllo virologico di tutti i suini morti e dei casi sospetti;
  • verifica della presenza di suini detenuti a scopo non commerciale (pet pigs);
  • censimento delle aziende commerciali e familiari che allevano suini e aggiornamento della Banca Dati Nazionale;
  • installazione segnaletica specifica per delimitare le zone coinvolte dai casi di PSA;
  • divieto di avvicinare, dar da mangiare o infastidire i cinghiali;
  • divieto di organizzare eventi e divieto di assembramento, inclusi i pic-nic, all’aperto nelle aree agricole e naturali;
  • disinfezione raccomandata delle scarpe all’uscita dalle aree agricole e naturali;
  • recinzione dei cassonetti dei rifiuti per inibire l’avvicinamento dei cinghiali.


La “zona di attenzione” è estesa a tutto il territorio della ASL Roma 1 a ovest del fiume Tevere.

Nella zona di attenzione sono attuate le seguenti misure:

  • ricerca attiva delle carcasse di suini selvatici a partire dai limiti nord della zona rossa;
  • chiusura dei varchi di accesso alla zona rossa dal versante nord da parte degli Enti di gestione dei Parchi;
  • censimento delle aziende commerciali e familiari che detengono suini e aggiornamento della Banca Dati Nazionale.


Per segnalare la presenza di carcasse di cinghiali sul territorio della ASL Roma 1, contattare il Numero Unico Centralizzato attivo h24:

  • Tel. 06 68351. 


Per ulteriori dettagli, consultare il sito di Salute Lazio.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.