Donazione organi e tessuti

Dichiarazione di volontà in merito alla donazione di organi e tessuti dopo la morte

Ogni cittadino maggiorenne può esprimere il proprio consenso o dissenso finalizzato alla donazione di organi e tessuti dopo la morte.
La dichiarazione di volontà sulla donazione di organi e tessuti non è obbligatoria nel nostro Paese, tuttavia i cittadini sono invitati a prendere una posizione in merito e a non lasciare questa decisione ai propri cari, in un momento difficile e delicato.
Inoltre, è sempre importante discuterne in famiglia, affrontare insieme l’argomento e informare i propri cari della scelta fatta. 
Il principio del “silenzio-assenso”, introdotto dalla Legge 1 aprile 1999 n. 91 artt. 4 e 5, non ha ancora trovato attuazione.

Chi può donare? chiudi dettagli apri dettagli

Tutti i cittadini maggiorenni, senza alcun limite di età, possono (non DEVONO) manifestare la propria volontà (consenso o diniego) in merito alla donazione di organi e tessuti dopo la morte (L. 91/99 e D.M.S. del 08.04.2000).

Come chiudi dettagli apri dettagli

Come effettuare la richiesta:

  • presso gli Uffici Anagrafe dei Municipi, in fase di richiesta o rinnovo della carta d’identità.
    Nel caso in cui il cittadino decida di esprimere la propria volontà - sia essa positiva o negativa - questa confluirà direttamente nel Sistema Informativo Trapianti (SIT), il data-base del Centro Nazionale Trapianti, consultabile 24 ore su 24 in modalità sicura dai medici del coordinamento regionale trapianti; 
  • presso la ASL Roma 1 (anche i residenti in altra ASL) o dal medico di famiglia, attraverso un apposito modulo disponibile presso i punti accettazione della ASL nonché sul portale aziendale. Queste dichiarazioni saranno registrate nel Sistema Informativo Trapianti (SIT), il data-base del Centro Nazionale Trapianti, consultabile 24 ore su 24 in modalità sicura dai medici del coordinamento regionale trapianti;
  • qualunque dichiarazione scritta che contenga nome, cognome, data di nascita, dichiarazione di volontà (positiva o negativa), data e firma, (considerata valida ai fini della dichiarazione dal Decreto ministeriale 8 aprile 2000), da conservare tra i documenti personali.

Presso la ASL:

  • i residenti della ASL Roma 1 devono compilare 2 originali dell’apposito modulo;
  • i residenti di altre ASL devono compilare 3 originali dell’apposito modulo;
  • il modulo è accettato a vista

oltre al modulo sono necessari i seguenti documenti:

  • documento di riconoscimento in corso di validità
  • codice fiscale 

Il cittadino impossibilitato a recarsi personalmente può delegare persona di sua fiducia, purché munita di delega scritta autenticata da ufficiale di stato civile e documento di riconoscimento in corso di validità, oltre che dei sopraindicati documenti personali del dichiarante.

L’operatore ASL:

  • verifica che la modulistica sia compilata correttamente in ogni sua parte; in caso di errata e/o incompleta compilazione la dichiarazione non sarà accettata perché non sarebbe valida e non potrebbe essere registrata correttamente nel Sistema Informativo Trapianti (SIT);
  • compila in ogni sua parte lo spazio riservato all’ufficio accettazione (nome, cognome, data), appone la propria firma in modo leggibile e timbra i moduli; richiede un recapito telefonico del dichiarante per contattarlo in caso di chiarimenti;
  • consegna al dichiarante uno dei moduli, che il dichiarante conserverà unitamente ai documenti personali.

La dichiarazione sarà successivamente registrata nel Sistema Informativo Trapianti (SIT) e sarà trasmessa al dichiarante conferma dell’avvenuta registrazione.

Nel caso di potenziale donatore (soggetto di cui sia stata accertata la morte con criteri neurologici), i medici rianimatori verificano se questo ha con sé un documento attestante la propria dichiarazione di volontà o se quest’ultima risulta registrata nel SIT.

Se un cittadino non esprime la propria volontà in vita, la legge prevede la possibilità per i familiari (coniuge non separato, convivente more uxorio, figli maggiorenni e genitori) di opporsi al prelievo durante il periodo di accertamento di morte. Pertanto, è bene parlare anche con i propri familiari, poiché, in assenza di dichiarazione, essi vengono interpellati dai medici circa la volontà espressa in vita dal congiunto. Per i minori sono sempre i genitori a decidere, e se anche solo uno dei due è contrario, il prelievo non può essere effettuato.

Riassumendo, in caso di morte possono verificarsi tre situazioni:

  1. il cittadino ha espresso in vita la volontà positiva alla donazione, e in questo caso i familiari non possono opporsi: donazione SI;
  2. il cittadino ha espresso volontà negativa alla donazione, in questo caso non c'è prelievo di organi: donazione NO;
  3. il cittadino non si è espresso, in questo caso il prelievo è consentito se i familiari non si oppongono: donazione si/no (l’informazione ai familiari sull’attivazione della procedura di accertamento di morte con criteri neurologici è obbligatoria).

Il cittadino può modificare la dichiarazione di volontà in qualsiasi momento.

Sarà comunque ritenuta valida, sempre, l'ultima dichiarazione resa in ordine di tempo secondo le modalità previste.

Dove e quando chiudi dettagli apri dettagli


Punti di accettazione delle Dichiarazioni di volontà in merito alla donazione di Organi e Tessuti:

 

Municipio/Distretto

Presidio

Telefono

Giorni e Orari

1

via Luzzatti, 8

06 7730.7540/95

dal lunedì al venerdì
8.30 - 12.30

2

via Tagliamento, 19

06 7730.4400/11

dal lunedì al venerdì
8.30 - 12.30

via Monte Rocchetta, 14

06 7730.6477

lunedì, mercoledì e venerdì 
8.30 - 12.30

13 

via Boccea, 271

06 6835.3276/61

dal lunedì al venerdì
8.30 - 12.30

14

piazza S. Maria della Pietà, 5  Pad. 26

06 6835.2879/72

dal lunedì al venerdì
8.30 - 12.30

15

viale Tor di Quinto, 33/A

06 6835.3553/73/89

lunedì, mercoledì e venerdì 
8.30 - 12.30

Richiesta di cancellazione della dichiarazione di volontà chiudi dettagli apri dettagli

A norma dell’art. 7 del d.lgs. 196/2003 l’interessato al trattamento di dati ha diritto ad ottenere oltre all’integrazione e alla modifica dei dati resi in occasione della dichiarazione di volontà anche la loro cancellazione.
Nell’ipotesi di richiesta di cancellazione di cui all’art. 7, comma 3 del d.lgs. 196/2003 non si ha una modifica della dichiarazione di volontà precedentemente resa (da favorevole alla donazione a contrario o viceversa) ma una cancellazione della stessa.
Nell’esercizio di tale diritto, infatti, l’interessato richiede che vengano cancellati dagli archivi e dal Sistema Informativo Trapianti i dati forniti in occasione del rilascio della dichiarazione.

Se la dichiarazione è stata resa presso la ASL Roma 1
L’esercizio di questo diritto deve essere esercitato presso il Distretto 14 piazza S. M. della Pietà, 5 Pad. 26 facendo apposita richiesta scritta di cancellazione dei dati riguardanti la dichiarazione di volontà precedentemente resa che contenga i propri dati anagrafici, il riferimento al documento d’identità, la data e la firma, accompagnata da una copia di un documento d’identità (modulo disponibile presso i punti accettazione della ASL nonché sul portale aziendale).

Il Distretto 14 verifica la presenza della dichiarazione ed inoltra la richiesta di cancellazione al Centro Nazionale Trapianti (CNT).

Il Centro Nazionale Trapianti (CNT) a sua volta, verifica la posizione, cancella i dati dal database nazionale e fornisce l’evidenza delle operazioni svolte.

Al completamento delle operazioni, a norma dell’art. 9 del d.lgs. 196/2003, si dà riscontro all’interessato (risultato della ricerca anagrafica prima della cancellazione che conferma la presenza della dichiarazione e risultato dopo la cancellazione che evidenzia l’assenza dei dati) con restituzione dell’originale cartaceo (modulo firmato dal cittadino) e dei risultati forniti dal CNT.
 

Se la dichiarazione è stata resa presso l’Ufficio Anagrafico di un Municipio
L’esercizio di questo diritto deve essere esercitato presso il Municipio che ha accettato la dichiarazione di volontà facendo apposita richiesta scritta di cancellazione dei dati riguardanti la dichiarazione di volontà precedentemente resa che contenga i propri dati anagrafici, il riferimento al documento d’identità, la data e la firma, accompagnata da una copia di un documento d’identità (modulo disponibile presso i punti accettazione della ASL nonché sul portale aziendale) che inoltra la richiesta di cancellazione al Centro Nazionale Trapianti (CNT).

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.